Campaigns
image card

SS 2020 Man

Optimist Rhythm

Optimist Rhythm

In un’epoca in cui proporre una definizione semplificata di se stessi sembra un’ambizione universale, a Prada piace dimostrare l’esatto opposto. E questo è propriamente Prada. Gli acronimi diventano una metafora giocosa e abbracciano sicuri l’indefinibilità dell’idea stessa di Prada. Le immagini cui sono affiancati amplificano il rifiuto di una nozione di identità coerente o convenzionale.

Una deliberata esibizione di dualità, molteplicità, reinvenzione e rinnovamento costante è un elemento vitale di ogni performance. Attraverso la musica, nel cinema, sul palcoscenico, i creativi riscoprono e riallineano le percezioni, dando una nuova dimensione al sé e alla propria inventiva.

Per dare vita a tutto questo, la campagna pubblicitaria Prada Uomo Primavera/Estate 2020 ospita una triade di creativi contemporanei, personalità cardine della cultura di oggi e archetipi della mentalità iper frammentata di domani. Ognuno di essi incarna una singola identità dell’uomo Prada, un aspetto, un atteggiamento, moltiplicato per ogni immagine, ogni definizione. Rappresentano la moltitudine di individui che compone questo insieme.

image card
image card

Ognuno di questi uomini usa le parole per definirsi: il testo di una canzone, le battute di un copione. Sono la loro mappa, il modello per la vita, per vivere, per sentire. Qui, le parole diventano un mezzo per reinterpretare l’immagine, per tentare di definire l’indefinibile: PRADA. Gli acronimi sono il frutto di idee, riflessioni, concetti astratti il cui fine è provocare, a volte aggiungendo un contesto, altre mostrando una contraddizione, ma sempre accendendo la scintilla del pensiero.

image card

Qui, oggi, la fiducia, la positività e la possibilità sono impersonificate. Come le parole cui sono affiancate, queste immagini, questi uomini danno una definizione di Prada. E tuttavia, lasciano campo libero all’interpretazione e alla reinterpretazione.

image card

Fotografo:
David Sims

Talents:
Frank Ocean, Austin Butler, Nicolas Winding Refn

Direttore Creativo:
Ferdinando Verderi