Chiudi
  • Registrato come:
    Profilo Utente
  • Lista dei desideri
  • Chiudi
    Carrello
    Totale

Questa funzionalità potrebbe non soddisfare i criteri di accessibilità
Campaigns

365 SS 2019 ADV Woman

Non uno, ma tanti. Anziché un singolo film, per la campagna donna della collezione Primavera/Estate 2019 Prada 365 presenta un’identità composita di immagini in movimento, cinque corti che esplorano e interpretano i concetti alla base della sfilata, espressi e immaginati attraverso la lente del cinema.

Le modelle protagoniste sono attrici in una qualche misura, poiché diventano la personificazione dei differenti atteggiamenti degli abiti che indossano. Qui l’idea viene spinta ancora oltre: ogni modella diventa un personaggio originale, creato per il cortometraggio in cui debutta e ispirato alla collezione Primavera/Estate 2019 di Prada. A vestire i panni delle nostre eroine è un’eterogenea selezione di modelle internazionali, un casting interculturale che prende nome dagli appellativi femminili delle borse di Prada: Freja Beha Erichsen è Sybille, Gigi Hadid è Sidonie, Maike Inga è Margit, Liu Wen è Odette e Anok Yai è Belle. Tutte sono identificabili come modelle eppure assumono un’altra identità, inventano un altro mondo.

I cinque film rappresentano un doppio riflesso: della sfilata Primavera/Estate 2019 di Prada, ma anche di pellicole iconiche della seconda metà del secolo scorso.

Ognuno riflette volutamente un genere classico – horror, suspense, thriller, storia d’amore – e ne rielabora le sceneggiature nello stile di Prada.

Sidonie

OFF
OFF
Belle

OFF
OFF
Margit

OFF
OFF
Sybille

OFF
OFF
Odette

OFF
OFF

Estensione delle molteplici narrazioni visive proposte da Prada 365 per il web e la stampa, i film hanno un referente diretto nella campagna fotografica – pensata per rimandare a locandine cinematografiche – che offre un’anteprima dello stile di questi accattivanti cortometraggi. Diretti da Willy Vanderperre, con la fotografia di Benoît Debie e la colonna sonora di Frédéric Sanchez, i corti rappresentano una dualità fondamentale elementare, una nozione di molteplicità dell’identità di Prada e una dicotomia centrale nella sfilata Primavera/Estate 2019.

Ogni donna, tuttavia, è unica, singolare – una protagonista irripetibile, un volto diverso, un nuovo aspetto di Prada e un lato differente di Prada 365.

Gallery
Tap to zoom
Tap to zoom
Tap to zoom
Tap to zoom
Tap to zoom
Credits

Photography and film by Willy Vanderperre
Models: Freja Beha Erichsen, Maike Inga, Gigi Hadid, Liu Wen, Anok Yai

Double Exposure

Maschile, femminile; reale, immaginario; statico, in movimento. La dualità insita in Prada e rappresentata nella sfilata Donna Primavera/Estate 2019 si esprime nella nuova evoluzione di Prada 365, realtà trasformata in una proiezione cinematografica per le nuove campagne dedicate alle collezioni donna e uomo.

Fotografate da Willy Vanderperre, le immagini sono tratte da una serie di corti creati da Prada, diretti dallo stesso Vanderperre e concepiti come lungometraggi. L’acclamato Benoit Debie è Direttore della Fotografia; il sound artist Frédéric Sanchez ha composto colonne sonore specifiche per ciascun episodio. Cinque film presentano la collezione Prada Donna Primavera/Estate 2019; due celebrano la collezione Uomo. Come per i film hollywoodiani, questi manifesti fungono da anteprima dei corti in uscita su prada.com nei mesi di gennaio e febbraio 2019.

L’approccio adottato in questa campagna rappresenta l’identità di Prada come autore, il cui stile e le cui tematiche evidenziano gli elementi visivi. Un grande film può essere considerato una prospettiva sul mondo – una finestra su un universo immaginato a sé stante. Qui, Prada dirige diverse realtà, identificando cinque modelle – Freja Beha Erichsen, Gigi Hadid, Maike Inga, Liu Wen e Anok Yai – nei rispettivi personaggi nominati come gli accessori che indossano: Sybille, Sidonie, Margit, Odette e Belle. Questi nomi derivano da una ricca tradizione di icone cinematografiche femminili, completando così una sorta di percorso di Möbius dall’ispirazione all’ispirato e viceversa.

A loro volta, i modelli – Daan Duez, Jonas Glöer e Tae Min Park – sono presentati come matinée idols, controparte maschile delle star femminili. Diventano i protagonisti dei film, sdoppiati in moderni idoli del grande schermo cinematografico.

OFF
OFF

La campagna pubblicitaria è una serie di poster enigmatici e intriganti, che traggono il proprio linguaggio visivo dai film, trasformandoli in fermo immagine. I manifesti colgono un particolare momento nel tempo – seppure per loro natura fugaci ed effimeri, ma poi apprezzati e studiati come emblematici del momento culturale in cui sono stati ideati. Qui, essi travalicano il loro tempo, citazioni visive rese contemporanee, convenzioni cinematografiche utilizzate come strutture letterali per incuriosire e sedurre gli spettatori.

Attingendo all’iconografia del cinema inconfondibile e immediatamente riconoscibile, le immagini suggeriscono la propria appartenenza a un insieme più grande. Ognuna è presentata come un frammento della narrazione originale dei film – personaggi che si allontanano, apparentemente colti in movimento, senza commenti né spiegazioni, sguardi che vanno fuori inquadratura, in un’ambigua conversazione estetica. Immortalati in atteggiamenti e gesti tratti dal cinema classico, le loro pose sono in parte memoria comune, in parte spontanee. Sono riflessioni e rifrazioni, vecchie e nuove al tempo stesso.

La dualità implicita è resa esplicita da una sovrapposizione grafica di immagini – un altro duo, ritratti in bianco e nero a fare da sfondo all’azione a colori posta in primo piano, una doppia visione di ciascun personaggio, immagini che accennano al movimento. Rimandano immediatamente alla doppia personalità dell’attore rispetto al ruolo che interpreta, della star rispetto al personaggio cinematografico. Ed esprimono anche le diverse persone che sono in noi, nel cinema verità della vita quotidiana.