Wallpapers

progetto
 

Una delle caratteristiche più rilevanti dell’Epicentro Prada di New York è il muro settentrionale che si estende per un intero isolato, raggiungendo la lunghezza di sessanta metri. Sin dai primi disegni, OMA ha concepito il muro come una sorta di tela su cui applicare wallpaper temporanei. Prada e lo studio newyorchese di design 2x4 hanno creato negli anni diversi wallpaper allo scopo di produrre contenuti sempre nuovi. I temi e i colori mutano con le stagioni, divenendo così un elemento di varietà ma anche di temporalità.

 
 
 
 
wallpapers

______ wallpapers

 
LOGOPOLIS 2018
LOGOPOLIS 2018

L’ombra cade tra l’oggetto e il simbolo che lo rappresenta: estrusioni di loghi bidimensionali ripresi dalla collezione Autunno/Inverno 2018 creano una misteriosa città, apparentemente deserta, fatta di insegne.

SKIN AND BONES 2017
SKIN AND BONES 2017

Una collisione tra la delicatezza della carne e l'inflessibile infrastruttura in ferro, confusa da interruzioni visuali che fondono durezza e morbidezza.

FRAGMENTARIANISM 2017
FRAGMENTARIANISM 2017

The wall as site for broadcast. A single surface shingled with posters and polaroids: a city of women, step and repeat.

MUTE 2017
MUTE 2017

Opaque women’s silhouettes overlay and interrupt a vibrant conversation creating a new moment: mute and contemplative.

DIALOGIC 2017
DIALOGIC 2017

Fotogrammi retroilluminati e inquadrature cinematografiche compongono una narrazione scomposta di elementi discontinui: una conversazione intrecciata e frammentata di colori e luci.

Granularità 2016
 Granularità 2016

Silhouette della campagna Prada Autunno/Inverno 2016 sono smembrate in una varietà di oggetti estremamente eclettici che spaziano da specifici prodotti Prada come chiavi, libri e stelle cadenti, a simboli casuali quali forme geometriche, fiori, foglie e piume.

Ancorati a frammenti di viso, corpo e capi, le forme si scompongono e ricompongono aprendosi in una sequenza ordinaria di elementi che si estendono sull’intera parete.

Effetto Domino
Effetto Domino

Un incontro tra duro e soffice, figura e sfondo, corpo e drappeggio. Un paesaggio ondulato fatto di colore, ombra, curve e geometrie che stravolge la superficie planare del muro.

HYPERSPEED 2015
HYPERSPEED 2015

Un impero intergalattico, accelerato all'ipervelocità, visibile attraverso ambienti familiari che offrono scorci su un futuro lontano.

GALACTIC EMPIRE 2015
GALACTIC EMPIRE 2015

Ispirato all’architettura della sfilata Prada AI 2015 e a un paesaggio immaginario di fantascienza, Galactic Empire si sviluppa in una serie di spazi adiacenti tra loro che si aprono su lande deserte, lune sconosciute e galassie lontane.

VANISHING POINT 2015
VANISHING POINT 2015

Delineate da nastro adesivo industriale nero che si sovrappone ai ritratti sfocati sul wallpaper Myopia esistente, prospettive da molteplici punti di vista spezzano il piano bidimensionale della parete dell’Epicentro,

 con un razionalismo duro e realistico che lacera il miasma color pastello.

MYOPIA 2015
MYOPIA 2015

Il lavoro di ricerca sulla parete è condotto attraverso la manipolazione della distanza focale. A seconda dell’approssimazione relativa al piano della superficie, enormi ritratti ondeggiano tra vaghezza ed estrema nitidezza. La nebulosità sembra suggerire la presenza di una dimensione profonda, nella quale le figure arretrano creando una sorta di frontiera elusiva e indistinta allo spazio. 

Nell’insieme, la tavolozza leggermente psichedelica dei colori ricorda immagini tratte dalla campagna concomitante.

Brutalista Blooming 2014
Brutalista Blooming 2014

From cool, hard concrete, a garden blooms: in this case a contrasting floral garland collage derived from the canvases of the Old Masters. The underlying wallpaper is festooned with holiday flowers

BRUTALISTA 2014
BRUTALISTA 2014

Collage fotografico ispirato alla campagna pubblicitaria Autunno/Inverno 2014, ‘Brutalista’ si compone di frammenti di edifici illustri della metà del 20° secolo e contraddice le reali geometrie e prospettive dello spazio.

Nella sua onnipresenza, il cemento crea uno sfondo uniforme che dà risalto alla collezione e ai suoi punti di colore intensi e vivaci.

In the Heart of the Multitude 2014
In the Heart of the Multitude 2014

Il wallpaper per la Primavera/Estate 2014 si ispira a In the Heart of the Multitude [Al centro della moltitudine], un progetto speciale sviluppato per la sfilata Prada Donna PE14.

Prada ha invitato i muralisti Miles “El Mac” MacGregor, Mesa, Gabriel Specter e Stinkfish e gli illustratori Jeanne Detallante e Pierre Mornet ad affrontare sulle pareti del suo spazio in Via Fogazzaro, i temi della femminilità, della rappresentazione e del potere.

I ritratti rappresentano la molteplicità delle forme che le donne assumono nel corso di una giornata, o di una vita intera, riflettendo la visione essenziale della moda.

Iridescence 2013
Iridescence 2013

I classici Prada rivivono come luccicanti salon-noir in nero brillante - la base cromatica del lusso - intrisi di uno splendore iridescente,

tra il petrolio grezzo e l’onice lucida, che emette un bagliore quasi magico in ogni parte.

Il Party di Gatsby 2013
Il Party di Gatsby 2013

In occasione della première dell’adattamento cinematografico del regista Baz Luhrmann del romanzo di F. Scott Fitzgerald, The Great Gatsby, il party di Gatsby ha fatto da sfondo alla mostra di costumi disegnati da Catherine Martin e Miuccia Prada per il film.

Il wallpaper è il montaggio di diversi fotogrammi tratti dallo stravagante ed elaborato film, che mostrano i costumi indossati dai personaggi della festa in vari gradi di deshabillé.

Sleeping Giant 2013
Sleeping Giant 2013

Il nudo disteso – elemento basilare declinato in tutte le forme, dalla pittura classica fino alla pubblicità e alle affissioni delle creme solari – fa la sua comparsa extra-large a Broadway, lungo 60 metri dalla punta della mano alla punta dei piedi.

La continuità della forma è disintegrata grazie alla semplice azione di ingrandire, trasformando il corpo in un paesaggio di carne.

Powerhouses 2012
Powerhouses 2012

Un collage di spazi monumentali, moderni e non, composto principalmente da fotografie di aule parlamentari di tutto il mondo di Luca Zanier. I grandi spazi mostrano colori sottili e cenni astratti,

che suggeriscono l’epoca di ciascuno assieme a tracce dell’evoluzione del decoro, dal sontuoso fino all’astratto.

Soft opening 2012
Soft opening 2012

Per celebrare la mostra "Schiaparelli and Prada: Impossible Conversations" al Metropolitan Museum di New York, Soft Opening completa gli allestimenti speciali delle vetrine, creati da Grace Coddington, Direttore Creativo di Vogue America.

Il wallpaper mostra immagini dei look iconici di Prada, realizzate dalla Coddington stessa e dal fotografo Steven Meisel, nascoste in modo seduttivo dietro un tendaggio di velluto rosso.

Chromo 2012
Chromo 2012

Se lo specchio perfetto è elemento essenziale del negozio di moda, la superficie cromata di un'automobile è il suo equivalente sulla strada.

Riflesso sul paraurti, il mondo si trasforma in un'esplosione visuale, ma ciò che si perde in realismo si guadagna in dinamismo. Riflesso della collezione Prada Primavera/Estate 2012, Chromo è una simulazione imperfetta dell'ambiente urbano rappresentato su un'abbagliante superficie metallica.

Stain 2011
Stain 2011

Ispirato alle illustrazioni che campeggiano sulle copertine dei romanzi rosa e pulp in edizioni economica, Stain contiene primi piani oversize di modelle, realizzati ad acquerello con colori sgargianti, quasi violenti.

Il collage è composto da frammenti dei ritratti originali dipinti dall'illustratrice Marcela Gutierrez e rielaborati in una composizione a tutta parete. Il Wallpaper Prada propone otto ritratti di modelle della campagna Autunno/Inverno 2011. I volti sono realistici, molto contrastati, mentre l'abbigliamento è più espressivo, quasi astratto, con poche tracce di pennellate che alludono a uno sfondo tra le modelle.

Caryatides 2011
Caryatides 2011

Le fonti d’ispirazione della collezione Primavera/Estate 2011 – I Tre Caballeros, i set teatrali di Carmen Miranda e le locandine art decò dei film di Josephine Baker – si mescolano nel wallpaper Caryatides, composto da colonne, cariatidi e volute poste su uno sfondo di paesaggi barocchi.

 

Elementi tratti da nature morte del XVII secolo, ritratti art decò, decori architettonici si combinano con la collezione Primavera/Estate 2011 per rivestire statuarie modelle e formare scudi araldici, creando emblemi contemporanei di capitalismo, grandeur e classicismo.

Almost blue 2010
Almost blue 2010

Ispirato alla performance “Fever” di Angela Lindvall, e con sottili riferimenti alle copertine di vinili jazz, Almost Blue è una sincopata combinazione tra immagine, forma e segni tipografici.

Enfilade 2010
Enfilade 2010

Basato sul progetto di AMO per la sfilata donna e ispirato a L’Année derniére à Marienbad, film del 1961 diretto da Alain Resnais, Enfilade crea una serie di spazi ambigui che si snodano dal corridoio centrale dell’Epicentro.

Una serie sfuggente di stanze contigue sono visibili attraverso porte decorate che suggeriscono un disorientante spostamento spazio-temporale, marchio della visione evocativa di Resnais.

New masters 2009
New masters 2009

Rifacendosi allo stile classico delle gallerie storiche, New Masters è composto da 100 pitture su tela montate direttamente sulla parete dell’Epicentro.

 

 

Raffigurando un paesaggio fatto di vegetazione e corpi umani, queste riproduzioni originali dipinte da giovani artisti cinesi creano un’immagine combinata fatta da frammenti di famose opere pittoriche classiche.

 

No relief 2009
No relief 2009

Mentre il precedente wallpaper sperimentava con l’illusione della profondità, No Relief aggiunge la terza dimensione alla parete applicandole un impasto di stucco grezzo. A differenza dei bassorilievi però, in cui la terza dimensione si snoda su uno sfondo piatto,

questo effetto viene creato cancellando parti delle immagini stampate – sia immagini contemporanee dalla collezione sia frammenti di sculture antiche – ridimensionando lo sfondo e lasciando piatto il primo piano.

Annex 2008
Annex 2008

Il progetto Wallpaper è un continuo esercizio di decontestualizzazione: l’immagine si confronta con l’architettura dello spazio. In questa interazione, il wallpaper Annex è iper-contestualizzato,

in quanto si riferisce specificatamente al design dell’Epicentro, riconfigurando i movimenti architettonici in un distorto e falsato trompe l’oeil.

FLorid 2007
FLorid 2007

Progettato in relazione alla sfilata donna Primavera/Estate 2008, Florid rappresenta l’interazione in qualche modo perversa tra Hieronymus Bosch e Aubrey Beardsley. L’immagine ritrae un intenso paesaggio fatto di fiori mangia-uomini, draghi, creature ibride ed inquietanti fate.

Da questo wallpaper è nato ‘Trembled Blossoms’, il cortometraggio animato presentato nell’Epicentro Prada a New York il 5 febbraio 2008.

Skull 2007
Skull 2007

Damien Hirst ha progettato il wallpaper sulla parete settentrionale dell’Epicentro, estendendo così la lunghezza tra Broadway e Mercer Street.

Il wallpaper raffigura teschi dalla copertina dell’album della band The Hours, disegnata da Hirst stesso.

Masked / hooded woman 2007
Masked / hooded woman  2007

Di tanto in tanto alcune installazioni all’interno dell’Epicentro di Broadway modificano wallpaper già esistenti. E’ questo il caso di Notorious Women: Masked, un’installazione temporanea progettata per l’Estate 2007.

Le donne ritratte nella precedente installazione sono state rese irriconoscibili attraverso stampe estive colorate vivacemente e romantiche in modo inappropriato.

Notorious women 2006
Notorious women 2006

Prada ha utilizzato i ritratti di 10 donne famose, conosciute sia per la loro intelligenza sia per il loro potere. I ritratti sono stati eseguiti come pitture a olio di ispirazione classica dall’artista Eric White, e poi riprodotti a grandi dimensioni sulla parete.

Le dieci donne protagoniste sono Maria Callas, Elisabetta I, Nefertiti, Kiki de Montparnasse, Camille Claudel, Mata Hari, Simone de Beuvoir, Caterina la Grande, Jane Austen e Billie Holiday.

Guilt inc. 2005
Guilt inc.  2005

Un manuale di “brand marketing” per un’entità fittizia, la Guilt Corporation, è il tema di questo wallpaper e dei rivestimenti del negozio.

L’installazione ha creato un’identità formale, sterile per la più umana delle emozioni e crea uno sconcertante fondale al lusso dei prodotti Prada.

Futurama 2004
Futurama 2004

Il wallpaper e le vetrine del progetto “Futurama” rappresentano un inquietante paesaggio popolato da strani automi di dimensioni sovraumane che vagano nudi in un edenico e iper-colorato paesaggio.

China 2003
China 2003

Pixel è il tema esplorato dal terzo wallpaper. L’immagine è costituita da migliaia di persone in uno stadio della Corea del Nord che, attraverso grandi fogli colorati che tengono in mano, creano l’illusione di una serie di allegre donne.

Cancellation 2002
Cancellation 2002

Il concetto del secondo wallpaper è la cancellazione del primo. Una serie di giganteschi pois neri è stata disegnata direttamente sulla superficie dell’installazione precedente.

Vomit 2001
Vomit 2001

Il primo wallpaper, progettato in occasione dell’apertura dell’Epicentro Prada, rappresenta un grande pattern floreale composto da frammenti di fotogrammi – dal banale al semi-pornografico – appartenenti ai cortometraggi visibili sugli schermi presenti nel negozio.

 
 
沪ICP备11025989号
_torna su